Premiazione Premio Dessì 2021

 Villacidro - Oltre ai premi, una menzione speciale a "Un giorno all'improvviso" curato da Giulia Giornaliste Sardegna

Ultime ore di attesa prima di scoprire i vincitori del trentottesimo Premio letterario Giuseppe Dessì: domani alle 18, nella palestra di via Stazione, a Villacidro, la cerimonia di premiazione.

La scelta sarà tra i tre finalisti, selezionati tra le 168 opere in concorso dalla giuria del premio per ciascuna delle due sezioni, Narrativa e Poesia: Silvia Ballestra con La Sibilla. Vita di Joyce Lussu (Laterza), Ermanno Cavazzoni con Il gran bugiardo (La nave di Teseo) e Gennaro Serio con Ludmilla e il corvo (L'orma editore), per la Narrativa; Paolo Febbraro con Come sempre. Scelta di poesie 1992-2022 (Elliot Edizioni), Umberto Fiori con Autoritratto automatico (Garzanti) ed Enrico Testa con L'erba di nessuno (Einaudi); Silvia Ballestra con La Sibilla, Vita di Joyce Lussu (Laterza) per la Poesia.

La cerimonia di premiazione, che sarà trasmessa anche in diretta streaming sulla pagina Facebook del Premio Dessì, sarà condotta da Neri Marcorè, con interventi musicali del chitarrista Marino De Rosas. La serata sarà aperta da un breve video commemorativo dedicato alla scrittrice Michela Murgia, vincitrice nel 2009 del Premio Dessì, categoria Narrativa.

Nel corso della serata saranno anche premiati, con il Premio Speciale della Giuria, Elena Cattaneo, senatrice a vita, farmacologa e divulgatrice; e con il Premio Speciale della Fondazione di Sardegna, Lucio Caracciolo (che parteciperà in collegamento video), giornalista, fondatore e direttore della rivista italiana di geopolitica Limes.


Quest'anno, si affianca ai consueti un nuovo riconoscimento, che conferisce ulteriore attualità alla cerimonia di premiazione. Si tratta della menzione speciale della Fondazione "Giuseppe Dessì"Un giorno all'improvviso: I racconti delle donne al tempo del Covid, libro curato da Giulia Giornaliste Sardegna. Nel volume sono raccolti i racconti di sedici donne che narrano le sfide, le ansie e le speranze vissute nel periodo del confinamento, durante i mesi cruciali della pandemia Covid-19, evidenziando le difficoltà incontrate nei loro ambiti professionali e mettendo in luce i valori di solidarietà e resilienza emersi in forma collettiva durante il periodo in cui la comunità doveva fronteggiare l'emergenza.

Il riconoscimento non si limita al libro premiato, ma è dedicato a tutte le donne che hanno contribuito a realizzarlo e vuole anche essere un omaggio alla memoria della fotografa Daniela Zedda, recentemente scomparsa, così come alle altre vite e storie che durante la stagione drammatica della pandemia hanno lasciato una loro impronta profonda. A ritirare la targa sarà la coordinatrice di Giulia Giornaliste Sardegna, Susi Ronchi.

Il sipario sulla trentottesima edizione del Premio Dessì calerà domenica mattina, con l'appuntamento tra i finalisti e il pubblico che si terrà a partire dalle 10, all'ex Mulino Cadoni.

Redazione Isp © Riproduzione riservata

Immagine in evidenza: cerimonia di premiazione di una scorsa edizione del Premio Giuseppe Dessì

FacebookFollowersYoutube white Instagram white Twitter

 

 

WhatsApp

Speciale Elezioni Regionali

Le preferenze ottenute da tutti i candidati della circoscrizione Medio Campidano - Le nostre interviste ai candidati presidenti

Elezioni regionali

Medio Campidano in breve

 

Appuntamenti di cultura, incontro, socialità