Cooperativa Villa Abbas

 Sardara - Dopo 37 anni va in pensione il fondatore e presidente storico Giuseppe Garau, gli succede Andrea Caddeo

Cambio al vertice nella conduzione della cooperativa Villa Abbas a Sardara: cerimonia di saluto ieri al Museo archeologico dove i soci della cooperativa hanno augurato buona pensione al presidente storico Giuseppe Garau, 67 anni, che da oggi pone termine delle sue fatiche lavorative.

Noto a tutti come Peppuccio, Garau aveva fondato la cooperativa trentasette anni fa, alla fine degli anni Novanta era nato il Museo archeologico Villa Abbas, subito dopo messo in rete con l'area archeologica di Sant'Anastasia.

«È stata una bella avventura - ha detto Garau - e ringrazio tutti per la bella esperienza durata 37 anni. Ora passo la mano, anche se resterò sempre nella famiglia della cooperazione. Sono stati anni positivi sia sul piano professionale sia come esperienza umana. Sappiamo di avere contribuito alla crescita culturale di Sardara, dove si è evoluta anche la sensibilità verso i beni culturali. Un'esperienza positiva anche per il senso ideale del cooperativismo, ormai certificato come patrimonio culturale immateriale dell'Unesco».


A succedergli alla guida della cooperativa è Andrea Caddeo, socio lavoratore della cooperativa da più di vent'anni, noto a Sardara anche per il suo attivismo politico.

Consigliere comunale di minoranza eletto nella lista Orizzonte Sardara, ex assessore all'Ambiente durante la giunta Montisci e ancora prima Garau e consigliere di minoranza nella prima consiliatura Zucca.

«Lascio l'impegno nella politica attiva con grande sofferenza, ma ritengo che la mia nuova carica non sia compatibile con l'attività consiliare» aveva scritto Caddeo qualche settimana fa, rassegnando le dimissioni da consigliere per «sopraggiunti impegni lavorativi inconciliabili».

In realtà non esiste una norma che sancisca incompatibilità tra attività politica e presidenza della cooperativa, ma resta il fatto che l'ormai ex consigliere abbia voluto compiere un gesto di opportunità, in linea con il rigore che ha contraddistinto negli anni il suo impegno politico, sempre schierato a sinistra, e la sua attività amministrativa sia in maggioranza sia tra i banchi dell'opposizione.

Nella sua lettera di dimissioni dal Consiglio di Sardara, Caddeo aveva scritto, a testimoniare la passione della sua attività politica, tra le altre, queste parole: «Si interrompe oggi, il mio percorso amministrativo iniziato nel lontano duemilasei e proseguito per un lungo arco temporale; un’esperienza bella, appassionata e per certi versi faticosa che ho vissuto pienamente cercando di mettermi costantemente al servizio della comunità con onestà e dedizione. Seppur in tempi di distacco e disaffezione verso la cosa pubblica, consapevole di andare controcorrente, voglia il mio pensiero invitare ad un rinnovato attaccamento verso il bene comune, certo che una società si evolva e cresca conformemente al livello di interesse e di partecipazione democratica insito in ognuno di noi ed esplicitato nell’impegno verso gli altri».

Redazione I.S.P. © Riproduzione riservata

Immagine in evidenza: i soci della cooperativa Villa Abbas al saluto per il pensionamento del loro presidente (al centro Andrea Caddeo al fianco di Giuseppe Garau)

FacebookFollowersYoutube white Instagram white Twitter

 

 

WhatsApp

Speciale Elezioni Regionali

Le preferenze ottenute da tutti i candidati della circoscrizione Medio Campidano - Le nostre interviste ai candidati presidenti

Elezioni regionali

Medio Campidano in breve

 

Appuntamenti di cultura, incontro, socialità