Spazietto Bianco SopraTestata

Titolo giornale

Spazietto Bianco SopraTestata

Agricura

La famiglia Ucraina

 Villacidro - Sardegna - Sperano in una nuova vita in Sardegna: il racconto della coppia ucraina

Fuggire dalla guerra con dieci figli. A Villacidro la cooperativa sociale Alle Sorgenti ospita alcuni rifugiati della guerra in Ucraina, tra questi Sergeï Belitskiy e Larissa Belitskaia con i loro dieci figli, che con l’aiuto della mediatrice culturale Tatiana Niukalo hanno raccontato la loro storia.

La coppia viveva a Pakrovs’k, in un grande villaggio. Educatori di professione, gestivano anche la loro grande casa-famiglia che comprendeva ampi terreni coltivati e una fattoria da accudire.

L’impegno di Sergeï e Larissa si estendeva alle attività laboratoriali: dal cucito alla falegnameria, l’offerta era molto vasta e aveva l’obiettivo di aiutare i giovani ragazzi al fine di educarli al mondo del lavoro. La loro loro missione li ha impegnati anche come genitori: oltre ai loro due figli biologici, ne hanno adottati altri otto, con difficoltà della sfera mentale.

La vita dei Beliskiy-Beltiskaia trascorreva serenamente tra le numerose attività della casa-famiglia fino alla recente occupazione russa: «è stato uno shock per tutti, inizialmente, i nostri figli non capivano cosa stesse succedendo, soprattutto quelli sofferenti. Quando suonava la sirena che annunciava l’allarme dei bombardamenti, prendevamo il necessario e lo mettevamo in piccoli zaini per scappare nella cantina – ha spiegato Sergeï, mentre Larissa mostrava le foto di quei momenti - siamo rimasti rinchiusi in cantina per ben due settimane: avevamo tante provviste ma i militari ucraini ci hanno rifornito di cibo e acqua».

L’occupazione russa li ha costretti a scappare dalla guerra per mettere in salvo i loro figli attraverso i corridori umanitari: «se non fossimo stati genitori, saremmo rimasti a combattere volontariamente per difendere la nostra terra» ha dichiarato la coppia.

Il viaggio verso la salvezza è durato sette giorni ed è stato faticoso e particolarmente stressante per i bambini più piccoli. «Quando siamo arrivati in Italia, ci siamo sentiti salvi. Abbiamo ricevuto molta solidarietà dai villacidresi - ha commentato Larissa mentre Sergeï mostrava uno scatolone con i barattoli di miele sopra i quali sono riportati i nomi dei loro figli - sono stati gentili con la nostra famiglia, ci hanno portato tanto cibo, sono stati un aiuto prezioso».

Larissa ha concluso: «i nostri figli ora si sentono al sicuro, anche se la guerra ha creato in loro dei traumi: quando sentono passare un aereo si nascondono in cerca di un rifugio. Non desideriamo tornare in Ucraina, vorremmo continuare a vivere in Sardegna, abbiamo da subito amato tanto questa terra. Con le nostre finanze abbiamo intenzione di comprare una casa, e metterci a coltivare il terreno e allevare gli animali. Vogliamo che i nostri figli studino e crescano in Italia: meritano una vita tranquilla e un futuro sicuro».

 

Erica Pittau © Riproduzione riservata

Immagine in evidenza:  Un momento della permanenza nel rifugio in Ucraina

Foto seguente : uno scatto dell'intera famiglia, prima della guerra

Famiglia in Ucraina


Medio Campidano in breve

Lunamatrona - Microchip cani
Martedì 6 dicembre, dalle 9 alle 11, al campo sportivo Rosa e Federico Mancosu, sarà effettuato il servizio gratuito di applicazione del microchip identificativo sui cani di proprietà, promosso dal Comune in collaborazione con il Servizio veterinario della Asl.
Prenotazioni via mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Arbus - Incontro agricoltura
Venerdi 25 novembre, alle 10,30, nella sala consiliare del Comune si terrà un incontro pubblico sulle nuove politiche agricole comunitarie. Interverranno il direttore del servizio territorio rurale Gianni Ibba e il funzionario Giambattista Monne, dell'assessorato regionale all'Agricoltura.
Villacidro - Reis
Il settore Servizio Politiche Sociali del Comune di Villacidro, ha pubblicato il bando per la formazione delle graduatorie del programma Reddito di inclusione sociale (Reis) 2022.
Le domande devono essere presentate entro le 12 del 7 dicembre 2022, via Pec, (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; via e-mail (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) o consegnate a mano, all’Ufficio Protocollo.
Il bando integrale con i requisiti d’accesso e i dettagli sulle modalità di presentazione della domanda sono disponibili a questo link.
Per chi avesse la necessità di chiarimenti e informazioni, la responsabile del procedimento è reperibile al n. 334 1167414, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 14 e il martedì dalle 15,30 alle 18,30.

L'Ago Dolce Vita

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
28
29
30

WhatsApp

 

SocialFacebookTwitterInstagramYoutube

L'Ago