Bosco

 Gonnosfanadiga - Due iniziative parallele per aumentare la consapevolezza ambientale nei cittadini

Valorizzare i boschi e le campagne non solo cercandovi i funghi ma ripulendoli dai rifiuti. Con questo spirito sabato e domenica si sono svolte le manifestazioni Caccia al Porcino, indetta dall'amministrazione comunale di Gonnosfanadiga, e Caccia al Rifiuto, in collaborazione con l’associazione Ambiente Mare Italia e il Ceas Monte Linas (Centro Educazione Ambientale alla Sostenibilità) di Gonnosfanadiga.

«Il significato della gara era quello di mettere insieme la Caccia al porcino e Caccia ai rifiuto – ha spiegato Christian Foddi, delegato Ami – i rifiuti vengono purtroppo, troppo spesso rinvenuti ai bordi dei sentieri, strade e nel sottobosco durante la raccolta dei funghi ma la partecipazione è stata estesa anche a tutti gli interessati indipendentemente dalla Caccia al porcino. L’obbiettivo era quello di fare sì che l’affluenza ai boschi avesse un valore positivo per la sostenibilità, pulizia e per preservare la ricchezza dei nostri territori».


L’ evento era inserito nel progetto Italian Cleaning Tour di Ambiente Mare Italia, che interviene sul territorio con iniziative di pulizia delle aree soggette a inquinamento come parchi cittadini, greti dei fiumi, laghi lagune, spiagge e fondali marini, contribuendo così a sensibilizzare l'opinione pubblica e a realizzare interventi attivi per il miglioramento della qualità ambientale e al risanamento degli ecosistemi. Un percorso che coinvolgendo la cittadinanza, le scuole e i giovani ha il fine di diffondere le buone pratiche e perseguire un cambiamento nelle abitudini quotidiane allo scopo di tutelare l'ambiente.

«Voglio ringraziare il Ceas Monte Linas per l'aiuto e la collaborazione legati dallo stesso obiettivo comune: il bene nostro e del nostro pianeta visto che il contrasto ai cambiamenti climatici, il progressivo degrado degli ecosistemi marini e terrestri, la perdita di biodiversità impongono un impegno comune e sempre più concreto, che parta da una maggiore consapevolezza ambientale e dalla condivisione di una nuova coscienza ecologica», ha concluso Foddi.

Nella serata di domenica le premiazioni: «Il primo posto – ha commentato la consigliera comunale Monia Casti – se lo è aggiudicato Nicole, una bambina accompagnata dai genitori a questo importante evento di sensibilizzazione. L’educazione ambientale riguarda tutti, ma forse i più piccoli spesso sono più sensibili di noi adulti. La piccola vincitrice ha dato una grande lezione a tutti i partecipanti. Sono stati due giorni intensi in cui i visitatori, provenienti anche dai paesi limitrofi hanno visitato la mostra micologica, egregiamente curata dall'Associazione Micologica Monte Linas, che ha ospitato ben 170 specie di funghi raccolti nel territorio. Colgo l'occasione per ringraziare chi ha contributo alla realizzazione degli eventi e anche a chi ha partecipato alla degustazione».
 
Valentina Vinci (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) © Riproduzione riservata

FacebookFollowersYoutube white Instagram white Twitter

 

 

WhatsApp

Speciale Elezioni Regionali

Le preferenze ottenute da tutti i candidati della circoscrizione Medio Campidano - Le nostre interviste ai candidati presidenti

Elezioni regionali

Medio Campidano in breve

 

Appuntamenti di cultura, incontro, socialità