Spazietto Bianco SopraTestata

Titolo giornale

Spazietto Bianco SopraTestata

Agricura

Ades

 Regione - Anche da Guspini l’apporto per una vera transizione, condivisa ed eco-sostenibile

Il battesimo, per la nuova sigla, Ades, è avvenuto alla sua prima uscita pubblica, sabato scorso, in occasione del Sit in alla sede della Regione in viale Trento, a Cagliari, ma la gestazione durava da qualche mese.
Il nuovo soggetto che unisce attorno alla questione energetica una ventina tra comitati popolari, associazioni, partiti, gruppi politici e singole individualità, lavora per l’affermazione di un modello di transizione energetica effettivamente democratico ed ecologicamente compatibile.

Il percorso di confronto e organizzazione del coordinamento è passato da diversi incontri pubblici di formazione e informazione, uno dei quali si è tenuto a Guspini, lo scorso dicembre con ospiti provenienti da tutta l’Isola, in prosecuzione dei lavori aperti a Bauladu.

Ades esplicita la sua visione della transizione energetica attraverso un modello di produzione e distribuzione decentralizzato, diffuso e democratico, basato sulle comunità energetiche. Un processo che deve essere preparato da assemblee e incontri pubblici di auto-formazione e di costruzione di progetti collettivi di autonomia energetica incentrati su rinnovabili e sostenibilità, riduzione dei consumi ed efficientamento energetico, risparmio delle risorse e riciclo.

Tutti punti che sembrano in contrasto con quanto sta invece avvenendo su scala nazionale e soprattutto isolana, dove le ingenti risorse messe a disposizione dal Pnrr hanno risvegliato l’appetito di chi vede nella produzione di energia pulita una nuova fonte di ricchezza da sfruttare, mantenendo il ruolo delle comunità e della collettività fuori da ogni processo decisionale e autorizzativo.

«Il ruolo che rischia di recitare la Sardegna nel prossimo futuro energetico- hanno spiegato i vari interventi che si sono succeduti nel Sit in di Cagliari - è relegato a quello di una mera piattaforma produttiva, dove le installazioni di fonti rinnovabili non eco sostenibili, sono completamente gestite da pochi gruppi multinazionali, in un contesto legislativo che favorisce la speculazione e non impone il rispetto per il territorio, dove al contempo si perseguono politiche energetiche obsolete e controproducenti per il contrasto ai cambiamenti climatici, quale è l' articolata infrastrutturazione relativa alla metanizzazione dell'isola».

Un futuro, insomma, che va deciso in Sardegna, e che non può prescindere dalla contrarietà alle scelte più impattanti: le fonti fossili, la metanizzazione la geotermia industriale, la cattura della Co2, al nucleare e al consumo di suolo e acqua. Tutti No a cui Ades fa corrispondere altrettanti : agli impianti da fonti rinnovabili che siano sostenibili e di piccola taglia, all'idroelettrico da dighe esistenti, alla geotermia a bassa entalpia (a basso impatto nel sottosuolo).
Per seguire le attività dell’Assemblea per la democrazia energetica in Sardegna e conoscere i prossimi appuntamenti, è possibile visitare la pagina Facebook di Ades.

 

Redazione I.S.P. © Riproduzione riservata

Medio Campidano in breve

Lunamatrona - Microchip cani
Martedì 6 dicembre, dalle 9 alle 11, al campo sportivo Rosa e Federico Mancosu, sarà effettuato il servizio gratuito di applicazione del microchip identificativo sui cani di proprietà, promosso dal Comune in collaborazione con il Servizio veterinario della Asl.
Prenotazioni via mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Arbus - Incontro agricoltura
Venerdi 25 novembre, alle 10,30, nella sala consiliare del Comune si terrà un incontro pubblico sulle nuove politiche agricole comunitarie. Interverranno il direttore del servizio territorio rurale Gianni Ibba e il funzionario Giambattista Monne, dell'assessorato regionale all'Agricoltura.
Villacidro - Reis
Il settore Servizio Politiche Sociali del Comune di Villacidro, ha pubblicato il bando per la formazione delle graduatorie del programma Reddito di inclusione sociale (Reis) 2022.
Le domande devono essere presentate entro le 12 del 7 dicembre 2022, via Pec, (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; via e-mail (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) o consegnate a mano, all’Ufficio Protocollo.
Il bando integrale con i requisiti d’accesso e i dettagli sulle modalità di presentazione della domanda sono disponibili a questo link.
Per chi avesse la necessità di chiarimenti e informazioni, la responsabile del procedimento è reperibile al n. 334 1167414, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 14 e il martedì dalle 15,30 alle 18,30.

L'Ago Dolce Vita

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
28
29
30

WhatsApp

 

SocialFacebookTwitterInstagramYoutube

L'Ago