Spazietto Bianco SopraTestata

Titolo giornale

Spazietto Bianco SopraTestata

Agricura

Domenico Scanu

 Villacidro  Presentati ieri dal presidente Isde i dati della mortalità in Sardegna

Sono dati che allarmano e che gli amministratori del territorio - ieri del tutto assenti - farebbero bene a tenere in debita considerazione, quelli presentati ieri a Villacidro dal dottor Domenico Scanu, presidente di Isde Sardegna (Associazione Italiana Medici per l’Ambiente), in un incontro organizzato dal Comitato Casa della Salute.

Si è trattato di una presentazione preliminare di alcuni dati dello studio epidemiologico La mortalità in Sardegna nel periodo 2012-2017 prodotto da Isde. Scanu ha posto l'accento sulla significatività di alcuni spunti emersi dallo studio, che valutato a livello globale restituirebbe un'immagine positiva dello stato di salute isolana: gli indici di mortalità sono in linea con quelli nazionali per gli uomini e addirittura inferiori per le donne.

Come accade per ogni studio, tuttavia, i dati e le risultanze sono più complessi delle loro somme, e così, in un'esposizione durata oltre due ore, Domenico Scanu ha messo a fuoco diversi elementi che illustrano come in realtà lo stato di salute dei sardi non corrisponda esattamente alle narrazioni retoriche e autocelebrative sull'isola dei centenari.

Numeri alla mano, esistono evidenze statistiche che definiscono una particolare incidenza di alcune cause di mortalità legate a determinati territori. Sono perlopiù quelli interessati da attività inquinanti, distribuiti un po' in tutta l’Isola, da nord a sud. Sono i Siti di interesse nazionale per le bonifiche (Sin) e Siti d’interesse regionale (Sir): aree caratterizzate da fonti di inquinamento industriale e militare, ma dove anche gli impatti ambientali causati dalle coltivazioni intensive e delle scelte energetiche incidono in modo profondo. Tutte attività nate e tenute in vita unicamente da considerazioni di tipo commerciale e finanziario, senza valutare i costi indotti che avrebbero (hanno) generato, in termini di salute pubblica e di benessere.

In questa ottica Villacidro è paradigmatica: il suo recente passato di effimera industrializzazione ha lasciato in eredità siti da bonificare, fabbriche dismesse e dischariche di rifiuti. I decessi, complessivamente sono il 13,1% più alti rispetto alla media regionale, ma i dati dicono altro. E sono allarmanti su alcune tipologie di mortalità: in eccesso, per entrambi i generi le morti per cause mal definite e malattie infettive, per cause esterne (accidenti, suicidi, ecc.) nei maschi e per malattie dell’apparato digerente (cirrosi, fibrosi ed epatite cronica) ed endocrine, nutrizionali e metaboliche (diabete mellito) nelle femmine.

Si registra un 90% in più di morti per malattie infettive, in buona parte rappresentate da epatite virale. Per la popolazione femminile c'è un 250,4% in più rispetto alla media sarda di tumori al fegato e ai dotti biliari e un 185,7% in più di leucemie. Ai dati analitici si aggiunge un 175,5% di eccesso, per entrambi i generi, di morti per cause mal definite, vale a dire quelle che non vengono puntualmente annoverate tra le altre cause specifiche, e che potrebbero, se meglio indagate, rivelare ulteriori scenari allarmanti.

L'indagine è stata condotta sulla base di dati Istat, rielaborati e analizzati per genere ed età delle cause di morte, per ogni territorio di residenza.

Domenico Scanu ha ricordato l'importanza di studi di questo tipo: «i risultati dell’indagine epidemiologica sono indispensabili per creare maggiore consapevolezza tra le comunità e nello stesso tempo devono essere strumento per restituire la centralità alla salute nelle scelte economiche e politiche dei governi e delle amministrazioni locali».

Marco Cazzaniga © Riproduzione riservata

Immagine in evidenza: Domenico Scanu durante la presentazione dello studio "La mortalità in Sardegna nel periodo 2012-2017"

Medio Campidano in breve

Lunamatrona - Microchip cani
Martedì 6 dicembre, dalle 9 alle 11, al campo sportivo Rosa e Federico Mancosu, sarà effettuato il servizio gratuito di applicazione del microchip identificativo sui cani di proprietà, promosso dal Comune in collaborazione con il Servizio veterinario della Asl.
Prenotazioni via mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Arbus - Incontro agricoltura
Venerdi 25 novembre, alle 10,30, nella sala consiliare del Comune si terrà un incontro pubblico sulle nuove politiche agricole comunitarie. Interverranno il direttore del servizio territorio rurale Gianni Ibba e il funzionario Giambattista Monne, dell'assessorato regionale all'Agricoltura.
Villacidro - Reis
Il settore Servizio Politiche Sociali del Comune di Villacidro, ha pubblicato il bando per la formazione delle graduatorie del programma Reddito di inclusione sociale (Reis) 2022.
Le domande devono essere presentate entro le 12 del 7 dicembre 2022, via Pec, (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; via e-mail (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) o consegnate a mano, all’Ufficio Protocollo.
Il bando integrale con i requisiti d’accesso e i dettagli sulle modalità di presentazione della domanda sono disponibili a questo link.
Per chi avesse la necessità di chiarimenti e informazioni, la responsabile del procedimento è reperibile al n. 334 1167414, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 14 e il martedì dalle 15,30 alle 18,30.

L'Ago Dolce Vita

WhatsApp

 

SocialFacebookTwitterInstagramYoutube

L'Ago