Pubblico al Consiglio comunale di Guspini del 14-05-2024

 Guspini - Prospettato uno scenario devastante: più di 1500 ettari nel mirino degli investitori

Amministrazione, cittadini e comitati hanno discusso, ieri sera a Guspini, l'ordine del giorno "No alla speculazione energetica e ai mega impianti sul territorio di Guspini", durante il Consiglio comunale aperto.

Sono già quindici, e sembrano destinati ad aumentare, i progetti relativi all’installazione di impianti agrivoltaici e in subordine, di impianti eolici, nel comune di Guspini, per un totale di 1200 ettari lordi e ulteriori 360 netti effettivi.

Cresce il timore della comunità guspinese per le sorti del suo territorio: il paesaggio, l’ambiente, il clima, i beni archeologici e il mantenimento del comparto agrozootecnico locale rischiano di essere travolti dalla realizzazione di numerosi impianti destinati alla produzione di quantità spropositate di energia elettrica, addirittura eccedenti il fabbisogno della Sardegna intera.

A fronte dei benefici a totale vantaggio degli investitori, il paesaggio e le potenzialità di aree fortemente vocate all’agricoltura, all’allevamento, alle attività enogastronomiche e al turismo, sarebbero pericolosamente mutilati dall'installazione dei megaimpianti per la produzione di energia.


Maggioranza e minoranza consiliare hanno condiviso e ribadito in una delibera approvata all'unanimità la convinzione di volere «superare gradualmente le fonti di approvvigionamento fossili per investire sulle energie rinnovabili», a condizione che ciò interessi prevalentemente «le coperture di edifici pubblici e privati e le superfici già impermeabilizzate o comunque appositamente individuate da specifiche opere di pianificazione territoriale», promuovendo un utilizzo dell’ambiente che sia maggiormente sostenibile.

«E’ necessario - ha commentato il sindaco di Guspini, Giuseppe De Fanti - realizzare la transizione energetica tenendo conto prioritariamente degli interessi della nostra comunità. Gli approcci speculativi delle multinazionali e degli imprenditori stranieri rischiano di danneggiare non solo il territorio, ma la vita delle generazioni future».

Numerosi gli interventi di cittadini e rappresentanti dei comitati, tra cui No Megacentrale, costituitosi anni fa per la battaglia (vittoriosa) contro il progetto di una centrale solare termodinamica di enormi dimensioni, che senza la mobilitazione popolare e delle amministrazioni sarebbe stata realizzata tra i territori di Gonnosfanadiga e Guspini.
Per i primi giorni di giugno, sono già in programma manifestazioni di protesta nel sito di Neapolis, tra quelli interessati dai progetti.

Alessia Caddeo (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) © Riproduzione riservata

Immagine in evidenza: parte del numeroso pubblico che ha assistito,nell'Aula consiliare di Guspini, al Consiglio comunale aperto del 14 maggio.

FacebookFollowersYoutube white Instagram white Twitter

 

 

WhatsApp

Appuntamenti di cultura, incontro, socialità

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
7
9
10
14
15
16
20
22
23
24
27
28
29
30
31

Medio Campidano in breve