Spazietto Bianco SopraTestata

Titolo giornale

L'osteria

Il Maestrale si era levato violento togliendogli il respiro e urlandogli l’urlo di rabbia. Batteva le montagne come le scogliere il mare infuriato. Che lui sapeva quanto la melodia selvaggia del vento racconti sempre qualcosa. Suggerendo, insistendo, implorando. Il sangue fermentava il lievito acre del dispetto verso il suo vivere scampanato, le piccole miserie da osteria. Perciò non voleva dormire, rivelandogli arcani pure i profondi silenzi della notte. Le stelle gli trafiggevano le palpebre chiuse, sottili aghi di cristallo graffianti unghie affilate di luce.

La campagna era deserta. Oltre, la lunga macchia scapigliata degli ulivi, sull’impennata di monti Magùsu. Denso e vasto il silenzio, l’eco zoccolato del baio risuonava lontano. Alta e colma la luna fiottava latte e pervinca su Villacidro come un’immensa corolla di tarassaco. Studacandèlas legò il cavallo, arpionando al monte polpacci minuti ma forti come pioppi.

Mano mano che saliva la notte si faceva più scura, tanto che il sigaro gli illuminava la mulattiera meglio di una torcia, avvampando la barba tipo una foresta in fiamme. Monte davvero magico, udendosi preciso nell’aria che infreddoliva il ronzio pure fatato delle jànas.

In cima ci stagnava soffice un lago di nebbia. Con una fronda lo stuzzicò come d’acqua, aprendosi il vapore allo stesso modo, rabbrividendo.

«Ho avuto pazienza nel meno - determinò - l’avrò nel più!»

Ma era, la sua, volontà da goccia di pioggia pronta a evaporare al primo scaldare di sole. Non era che un mare di pece ardente, il mondo. E poi in Villacidro altri non c’era meglio di lui nell’arte di tormentare se stesso.

«Ge ses un’orixèdda prangi prangi!» udì voce.

Studacandèlas si voltò, ma il buio era pesto.

«Is orìgas m’incrèscint

Allora la vide.

Una vecchina tutta bitorzoluta e grinzosa, ma gli occhi pronti e gentili. Un lungo scialle ricamato d’oro intera la ricopriva come una tunica. I capelli avvolti in una pezza, i piedi nudi.

«Chi sei?» stupì il sagrestano.

Senza offrirgli ascolto, sfilò sotto sottana una tazza in sughero.

Vuoi colmare il mio bicchiere
le tue lacrime farmi bere
e cuore allegro e braccia sane
di ogni grano faranno pane

E recitato lo strano mottetto, gliela allungò.

Studacandèlas - chissà poi perché - ci pianse dentro caldi goccioloni.

«Paiono d’oro!» ci strabuzzò interi pure gli occhi.

«Paiono d’oro e d’oro sono - rifataggiò la vecchina - còia daranno!»

«Sì ma poi - alloriò quell’altro, che in Villacidro altri non c’era meglio di lui nell’arte di tormentare se stesso - di che sfameremo?»

«Anche il campo più desolato - rivelò la fata - dora i semi di grano, sotto i frutti d’erba e gli steli dei papaveri. Allo stesso modo nel cuore sepolto di sogni spunta la speranza, improvvisa e solenne quanto l’eco di valle!»

E bacchettata l’ultima fatagione, stella all’alba scomparve.

Il sole sorgeva, lento e sbadigliante, tessendo bisso sulle vette. Con lui la luce del giorno, fasciandosi l’orizzonte di ametiste liquefatte. Per le chine piovevano le ginestre in grappoli di accesi fiori gialli. Studacandèlas pure ci ruzzolò, verso sa corti de tziu Càschidu, a Chica un folto mazzo di rose pallide e atteggiate di seta. Aperte e languide, i petali rivoltati da caderci.

«Meri sei - annunciò - da filare tela solo alla felicità!»

E i grani maturarono, assieme a molte speranze.

Crederci? Riderci? Non è cosa mia. A me resta di dire che Studacandèlas non si rivide all’osteria, dove affexàva infimo vino e molte generazioni de lèpas ci avevano esercitato pazienza e taglio.

Fine quarto episodio

Ignazio Pepicelli Sanna ©riproduzione riservata
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

← Torna all'elenco degli episodi

 

SocialFacebookTwitterInstagramYoutube

Medio Campidano in breve

Sanluri •Agevolazioni• Prorogato l’abbattimento della Tari (annualità 2020) per le utenze non domestiche fino al 31/12/2021, con percentuali dal 30% fino al 100%. Aggiunti altri codici Ateco. Prorogata la scadenza 1° rata di Imu e Tari per tutte le utenze al 16 settembre 2021 (2° rata invariata al 16.12.2021). (S.A.)
Villanovaforru •Cultura• la Sala Mostre temporanee ospiterà dal 12 giugno al 18 luglio la mostra "Le grandi Madri" di Antonello Serra. Il 13 giugno a Genna Maria verrà ospitato l'evento "Land Art a Genna Maria": dalle 9,30 alle 20, sei artisti si cimenteranno nella realizzazione di opere e installazioni interagendo con la natura. (Red.)
Villacidro •Municipio• Riapertura al pubblico dei Servizi del Comune, pure nel rispetto della normativa Covid. È ora possibile accedere agli uffici senza appuntamento, mantenendo la possibilità di concordare appuntamenti personalizzati in giorni diversi da quelli di apertura. L'accesso all'ufficio anagrafe, per una migliore affluenza garanzia di distanziamento, è consentita dall'ingresso laterale del Palazzo comunale. Sul sito istituzionale del Comune, la lista aggiornata e completa dei recapiti telefonici e mail di tutti gli uffici. (Red.)
Sanluri •Animazione• Aperte le iscrizioni per E...state al parco, animazione estiva per minori: spazio bimbi (3-5 anni), area ludoteca (6-11 anni) e spazio ragazzi (12-17 anni). Le domande sono presentabili entro il 15 giugno. Informazioni e bando sul sito del comune. (S.A.)
Medio Campidano •Avis• Nuovo consiglio direttivo per l’Avis Provinciale del Medio Campidano: presidente Marino Tolu, vicepresidenti Eloisa Abis e Giada Lampis, segretaria Giada Podda, tesoriere Davide Serrenti. Il consiglio direttivo comprende anche Francesca Fenu, Antonio Giorri, Marco Marongiu e Silvano Soddu. (Red.)
San Gavino •Nidi gratis• Aperti i termini per presentare le domande di accesso alla misura “Bonus nidi gratis” per il 2021. Le domande dovranno essere presentate entro il 30 giugno. Il bando è consultabile sul sito del comune. (S.A.)
Sanluri •Nidi gratis• Aperti i termini per presentare le domande di accesso alla misura "Nidi gratis" per il primo semestre 2021, intervento che integra quello già previsto per il bonus nido Inps. Le domande dovranno essere presentate entro il 15 giugno. Il bando è consultabile sul sito del comune. (S.A.)

WhatsApp

Mighir...I ritratti...Cucistorie

Mighirimighiri
Mighirimighiri


Leggi l'ultima riflessione:

Cucistorie
Cucistorie


Leggi l'ultima novella: