Spazietto Bianco SopraTestata

Titolo giornale

La manifestazione

 Guspini - Gli organizzatori: « nel rispetto delle regole le manifestazioni si possono fare»

Diverse centinaia di persone hanno partecipato ieri alla manifestazione nei giardini comunali di Guspini, tra le 19 e le 21: un dibattito tra partite iva e cittadini per raccontare le proprie esperienze dopo un anno di pandemia. Molti erano lì per esprimere il parere negativo sulle continue chiusure ma soprattutto sul coprifuoco per le attività e il rientro a casa.

«Crediamo sia giunto il momento che le istituzioni, anche a livello locale, si prendano più responsabilità, basta con questi cambi di colore a livello regionale, sarebbe più corretto che la situazione venisse regolata paese per paese – spiega Marco Vinci, uno degli organizzatori – sono molto soddisfatto della giornata di oggi ma considerando chi si lamenta sui social mi aspettavo una partecipazione ancora maggiore. So che non è facile raccontarsi, parlare delle proprie difficoltà, ma non dobbiamo avere vergogna. Le lamentele online non hanno valore, oggi abbiamo dato voce anche a chi non è venuto e a chi non è potuto venire perché lavorava, come le pizzerie e alcuni bar, che hanno però partecipato anche se assenti fisicamente».

La serata, coordinata dagli organizzatori Manuel Uccheddu, Marco Vinci e Daniele Saba, si è svolta regolarmente e senza problemi con la sorveglianza delle forze dell’ordine che a fine serata hanno rivolto i loro complimenti agli organizzatori.

«Dopo un anno siamo ancora in piena pandemia – racconta Sabrina Uccheddu, 45 anni, manager sanitario e fisioterapista – a Guspini ci sono circa 1200 partite iva, il paese è in ginocchio, è necessario ripartire programmando. L’articolo 4 della Costituzione sancisce il diritto al lavoro: non possiamo più tenere chiuso e sperare in aiuti che in ogni caso non sono per niente sufficienti a coprire nemmeno le spese che ognuno di noi deve sostenere. Penso anche agli anziani soli a casa in attesa del vaccino, dobbiamo lottare anche per un piano assistenziale per loro. Nel mio campo mancano protezioni individuali, ma anche anestesisti e fisiatri: la situazione andrebbe proprio riprogrammata. In questo periodo gli abbracci sono proibiti ma questi reggono il mondo, i bambini vanno coccolati e invece si stanno abituando a interagire con uno schermo».

Al dibattito sono intervenute anche categorie che hanno potuto lavorare, subendo però una diminuzione del fatturato: «Abbiamo organizzato la protesta Perché noi no – spiega Marina Tolu, ottico - per sensibilizzare le persone verso queste chiusure che hanno toccano tutti, anche chi come me ha potuto continuare a tenere aperto».

Per il settore sport ha parlato Nicola Garau: «Abbiamo lavorato tre mesi in un anno, nonostante le varie zone a colori e non abbiamo avuto sostegni. La cosa che non capisco è che si tiene chiuso un settore che fa del bene alla salute per combattere un virus che invece la toglie».

Un'emozionata Valentina Fadda, per il settore ristorazione, racconta: «nonostante il mio datore di lavoro abbia dovuto chiudere e non per questo non mi abbia potuto rinnovare il contratto, mi ha aiutato a pagare le mie pendenze a dimostrazione che solo sostenendoci possiamo superare e sconfiggere davvero il Covid e la crisi».

«Vivo per lavorare, ma vorrei lavorare per vivere – racconta Loredana Tagliafierro commerciante – mia figlia si è diplomata con il massimo dei voti in piena pandemia ma non ha potuto proseguire gli studi perché non avevamo i messi finanziari. La speranza ci fa andare avanti e non la dovremmo mai perdere. Vogliamo essere liberi di lavorare».

Al termine, tra gli organizzatori era visibile la gioia di avere smosso centinaia di persone, ascoltato tante esperienze personali e dato sfogo a qualche malumore: «Hanno partecipato anche i paesi del circondario nonostante la zona rossa, le manifestazioni sono sempre consentite, nel rispetto delle regole – conclude Manuel Uccheddu – mi aspettavo però la partecipazione di alcune categorie, come per esempio i pastori, per i quali le partite iva un paio di mesi fa avevano solidarizzato chiudendo per un’ora le proprie attività, o i carristi, che pure sui social avevano fatto sentire le loro voci».

Valentina Vinci © riproduzione riservata

Nella foto in evidenza: i preparativi della manifestazione

Foto seguenti: alcuni momenti della manifestazione

Manifestazione Guspini

 

Manifestazione Guspini

 

Manifestazione Guspini

 

SocialFacebookTwitterInstagramYoutube

Medio Campidano in breve

Villacidro •Asilo nido• Fino al 7 giugno sono aperte le nuove iscrizioni e le conferme di iscrizione all'asilo nido "La Pimpa" per l'anno educativo 2021/2022. (Red.)
Marmilla •Ecocentri• In seguito al ritorno in zona arancione sono riprese le attività negli ecocentri dei comuni di Sanluri, Villamar, Villanovaforru, Collinas, Segariu, Gesturi e Villanovafranca. (Red.)
Villacidro •Società sportive• Aperti i termini per l’aggiornamento dell’Albo comunale delle società sportive dilettantistiche, per l’anno 2021. Le associazioni già registrate dovranno comunicare eventuali variazioni del loro assetto mentre quelle non ancora iscritte possono richiedere l’iscrizione ex novo all’Albo comunale. La procedura è aperta fino al 27 maggio 2021. (Red.)
Sanluri •Biblioteca• In seguito al passaggio in zona arancione, riprende il servizio bibliotecario di prestito e sala lettura (lun. 8-13 e 14-19, mar. 14-19, giov. 14-19, ven. 8-13). Per usufruirne è necessario prenotarsi al numero 0709383400 o, in alternativa inviare una email a biblioteca.comune.sanluri @ gmail.com. Il catalogo è consultabile online (www.librami.it/sanluri). (S.A.)
Villacidro •Viabilità• Senso unico alternato e divieto di sosta in entrambi i sensi di marcia fino al 17 maggio per le vie Silvio Pellico, Enrico Toti, Nazario Sauro e Santa Maria, per il rifacimento del manto stradale e della segnaletica. (Red.)

WhatsApp

Mighir...I ritratti...Cucistorie