Spazietto Bianco SopraTestata

Titolo giornale

Festival letterario

 San Gavino  Luca Trapanese al Festival letterario del Monreale

La terza giornata del Festival letterario del Monreale ha visto anche la presenza di Luca Trapanese, educatore e padre di Alba, una bambina con la sindrome di down adottata nel 2018. Insieme alla scrittrice Patrizia Rinaldi, vincitrice del Premio Andersen nel 2016, ha presentato ieri pomeriggio il libro Vi stupiremo con difetti speciali. Storie di Alba, Akin e Huang. A dialogare con loro, il padrino del Festival Andrea Pau.

«Tutti dovremmo essere educati alla disabilità», comincia con questo messaggio l’incontro col pubblico di Luca Trapanese, che ha raccontato: «dall’età di 16 anni ho imparato a stare nel mondo della disabilità. C’è chi ne ha paura, chi si vergogna, chi non è in grado di affrontare la diversità delle persone. Ho sempre desiderato creare qualcosa che potesse istruire ed educare le persone su questo tema. Quando è arrivata Alba ho pensato fosse il momento giusto per iniziare a farlo».

Il suo impegno nel sociale, tuttavia, nasce ben prima di diventare padre: nel 2007 Trapanese ha fondato, insieme a Eduardo Savarese – magistrato e professore di diritto internazionale – l’associazione A ruota libera Onlus, nata inizialmente allo scopo di creare una serie di attività collaterali alla scuola e che oggi si occupa anche di inserimento lavorativo, di sessualità, di sostegno a bambini e ragazzi con disabilità, per consentire loro di condurre una vita autonoma.

Nel libro, edito Giunti e pubblicato nel 2020, si raccontano le storie vere di tre bambini, Alba, Akin e Huang, che vivono disabilità diverse. «Spesso siamo portati a etichettare gli altri mettendo in un grande calderone termini come disabilità o invalidità, dimenticandoci che prima ancora della disabilità ci sono le persone», ha commentato Trapanese.

Non sono mancate le considerazioni sul linguaggio da utilizzare quando si affronta il tema della disabilità. Su questo aspetto Rinaldi è così intervenuta: «la paura di sbagliare era tanta, è stato fondamentale sia conoscere e osservare i bambini di cui ho scritto sia, e soprattutto, il confronto con gli specialisti. Ho immaginato anche linguaggi che non esistevano, ma sempre affidandomi ai loro consigli e alle testimonianze». L’autrice ha poi concluso: «farei volentieri a meno delle parole che suonano didattiche e retoriche, che escludono un aspetto che ha a che fare con la comprensione e con i sentimenti».

Trapanese ha poi aggiunto: «più che le parole, il problema sono le barriere mentali perché sono le più difficili da abbattere. C’è da lavorare sulla predisposizione all’accoglienza e sull’integrazione. La rivoluzione di questo libro, però, sta anche nel linguaggio, perché l’autrice ha usato le parole che userebbero i bambini per descriversi. Noi volevamo arrivare a loro, perché saranno gli adulti di domani e saranno loro a cambiare la società».

Il libro, con le illustrazioni di Francesca Assirelli, è un invito a cogliere la bellezza nella diversità e a guardare alle imperfezioni da un’altra prospettiva, perché sono queste a rendere le persone uniche e speciali.

La missione di sensibilizzazione di Luca Trapanese, che gli è valsa la nomina ai Diversity media awards 2021 nella categoria Creator dell’anno, passa anche per le sue pagine social in cui, anche attraverso i racconti della quotidianità con sua figlia Alba, offre supporto a genitori colti da dubbi e paure, perché impreparati all’arrivo di un figlio o una figlia con disabilità: «in una società che educa alla perfezione, a essere i migliori e ad arrivare sempre primi, avere un figlio disabile è ancora considerata una sconfitta. Il modo per abbattere questa barriera mentale è parlarne e acquisire consapevolezza», ha concluso Trapanese.

Sabrina Abis © riproduzione riservata


Foto in evidenza: un momento dell'incontro con Luca Trapanese al Festival Letterario del Monreale

Medio Campidano in breve

Guspini •Consiglio• Lunedì 29 novembre, alle 17,30 si terrà il Consiglio comunale. Fra i punti all'ordine del giorno, l'assegnazione di riconoscimento come Monumento nazionale a Sa Rocca Inquaddigara. (Red.)
Villacidro •Consiglio• Martedì 30 novembre, alle 19 si terrà, presso la sala consiliare del Municipio, il Consiglio comunale. I lavori saranno video trasmessi, visibili attraverso l'indirizzo comunicato sulla pagina web istituzionale.
Gonnosfanadiga •Animazione• Sono aperte le iscrizioni alle attività di animazione e laboratorio rivolte ai minori di fascia d'età 6-9 (12 posti), 10-13 (15 posti) e 14-17 (20 posti). Moduli disponibili sul sito web comunale e presso l’ufficio Servizi sociali.
Villacidro •Lotta al randagismo• Sono disponibili contributi per i proprietari di cani che sottopongono il loro animale a sterilizzazione e che presenteranno domanda di rimborso tra il 1 e il 30 novembre. Il contributo, su presentazione della ricevuta dell’operazione effettuata presso un veterinario liberamente scelto, sarà di 100 euro a cane sterilizzato (femmina o maschio) registrato all’anagrafe canina. (Red.)

MighirimighiriI ritratti di FedericaCucistorie

L'Ago

WhatsApp

 

SocialFacebookTwitterInstagramYoutube