Home / ABC / San Gavino, via Dante: 400mila euro per la nuova carreggiata con marciapiedi, pista ciclabile parcheggi e rotatoria

San Gavino, via Dante: 400mila euro per la nuova carreggiata con marciapiedi, pista ciclabile parcheggi e rotatoria

Dureranno oltre tre mesi, i lavori iniziati oggi, 18 febbraio, a San Gavino Monreale, per realizzare un nuovo tracciato in via Dante, sull’area triangolare che costeggia il Centro di igiene mentale di via Caddeo e i fabbricati fatiscenti (ex garages degli impiegati della fonderia) all’incrocio con via Tiziano.

Un progetto da circa 400mila euro, presentato nel 2015 e messo in apertura di spesa tre anni fa, finalizzato a mettere in sicurezza la viabilità urbana e gli studenti del limitrofo istituto comprensivo “Eleonora d’Arborea”.

L’opera prevede: la sostituzione della curva di via Dante con un tratto rettilineo; quindi la demolizione dei fabbricati dell’ex fonderia, la realizzazione di un’ampia carreggiata con dissuasori di velocità, due metri di marciapiede, 1,25 metri di pista ciclabile, una 30ina di parcheggi, una rotatoria che consentirà di reimettersi in tutte le direzioni (via Dante, strada per Pabillonis, viale Rinascita e via Tiziano); e la sistemazione del verde con nuove alberature.

Si tratta di un programma organico che coinvolge più progetti – fa sapere l’ex assessore all’urbanistica Stefano Musanti, primo promotore dell’iniziativa –, tra cui quelli di Iscol@ che prevedono la trasformazione delle scuole medie in cittadelle scolastiche. Al servizio di questa struttura, occorreranno ulteriori parcheggi che, magari con le stesse economie di questo progetto, si potrebbero realizzare anche tra le case a schiera di via Tiziano e l’area parallela al Centro di igiene mentale, che è di proprietà comunale. Così i genitori, anziché far scendere i bambini in strada, a ridosso di via Dante, oppure creare colonne d’auto quando piove, potranno entrare direttamente nel parcheggio, che dista 20 metri dalla scuola di via Caddeo, e far scendere i propri figli in sicurezza”.

La “messa in sicurezza” è al centro dell’idea voluta dall’amministrazione comunale, ma anche riqualificare e abbellire l’area, sostituendo quel tratto di curva con uno spazio verde, “fatto di prato, alberi e panchine, a misura di bambino”.
Anni fa – ricorda il consigliere Musanti – , ancora studente, partecipai a un concorso di idee volto a sistemare via Dante e unificare parco Rolandi con quello della biblioteca comunale. Arrivai terzo e fui pure premiato con 500mila lire. Anche nel 2003 il Comune, allora guidato da Fedele Melas, presentò un progetto per il bando di Children’s Museum, il Museo dei bambini.
Adesso si concretizza con questo progetto, il primo che ho presentato con il mandato Tomasi. Questo per dire che la riqualificazione di quell’area è passata attraverso diverse amministrazioni comunali”.

Marisa Putzolu  ©riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi