Home / ABC / Sardara, Matteo Loi: i familiari ringraziano la comunità, il territorio e la ditta di Vigatto

Sardara, Matteo Loi: i familiari ringraziano la comunità, il territorio e la ditta di Vigatto

I familiari di Matteo Loi ringraziano sentitamente la comunità di Sardara, i cittadini del circondario e l’azienda Veicopal di Vigatto (Parma), per la vicinanza, il caloroso affetto e il concreto gesto di solidarietà manifestato dopo la scomparsa del giovane 31enne, deceduto due settimane fa nell’ospedale Maggiore di Parma a seguito di un incidente sul lavoro.
La raccolta fondi. La mamma, le sorelle, i cognati e i parenti tutti, colmi di gratitudine e commozione, si riferiscono in particolar modo all’iniziativa promossa dagli amici, dalle associazioni locali “Is Carretones” e “Dinamo Sardara”, e partecipata da tanti, e al sostegno offerto dalla ditta dove Matteo lavorava da circa un anno e mezzo.
L’incidente, descritto in modo fedele da Beatrice Minozzi sulla Gazzetta di Parma, “è avvenuto nel tardo pomeriggio (del 31 ottobre). Loi stava lavorando ad Antria (di Monchio delle Corti) con un altro collega. Stavano facendo la cosiddetta ‘palafittatura’ del versante a valle della strada, stavano cioè piantando delle palificazioni per consolidare la scarpata. Il collega di Loi era a bordo di un’escavatrice a trivella, con la quale stava realizzando i buchi per le palificazioni. Il buio e la fitta nebbia che avvolgeva la zona hanno forse limitato la visuale dell’escavatorista, che – non è chiaro se girando il pesante mezzo da lavoro oppure mentre eseguiva una manovra in retromarcia – ha schiacciato il collega contro un muro di sostegno”.
Il collega non ha colpe – dice commossa una delle sorelle di Matteo –. Anzi, adesso abbiamo un altro fratello, una nuova cognata e due nuovi nipotini”. Un pensiero altruista e sincero che sicuramente avrebbe condiviso anche Matteo con il suo indimenticabile sorriso “solare e buono”, come lo è stato lui nella sua breve vita.
Il Sardington lo ricorda, riportando la celebre citazione che amava usare con gli amici: “Vivi come puoi, perché come vuoi non puoi”.

La Redazione  ©riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi