Home / ABC / Sardara: biglietto unico per visitare musei e siti archeologici del territorio

Sardara: biglietto unico per visitare musei e siti archeologici del territorio

Ha aderito anche Sardara alla convenzione proposta dal consorzio “Sa Corona Arrubia” per incentivare e promuovere i beni culturali del territorio.
Con un unico biglietto, valido tre mesi dalla data di acquisto, turisti e visitatori potranno recarsi nelle strutture museali e nei siti archeologici del Museo del Territorio “G. Pusceddu” e dei Comuni di Sardara, Sanluri, Las Plassas, Siddi, Villanovaforru e Villanovafranca.
L’iniziativa durerà fino al prossimo 31 dicembre, a un giorno dall’uscita del paese termale dal Consorzio, come era stato deliberato due anni fa, in Consiglio comunale, prima del tacito rinnovo dei 20 anni.
L’uscita dal Consorzio precluderà il Comune da stipulare future alleanze con “Sa Corona Arrubia”?
«Dal primo gennaio 2020 non faremo più parte de Sa Corona Arrubia – ha risposto il sindaco Roberto Montisci – ma continueremo a collaborare attraverso accordi come questo della bigliettazione. Ora firmiamo le convenzioni all’interno dello stesso soggetto. Poi, le firmeremo come soggetti diversi».
Secondo il primo cittadino di Sardara, quindi, la collaborazione reciproca è garantita e ha l’obiettivo di valorizzare il territorio, non solo il proprio orticello.
«È sbagliato guardare soltanto al proprio campanile – spiega Montisci –. I nostri musei rappresentano e accomunano diversi periodi storici e culturali del territorio e della Sardegna. In uno, ad esempio, troviamo il periodo nuragico, in un altro quello medievale. I beni presenti nei nostri comuni raccontano la storia e la cultura di un intero territorio. Quindi, proporre un’offerta articolata e usufruibile dai visitatori significa collaborare e interagire nell’interesse di tutti, soprattutto dei fruitori».
Nuove tariffe di ingresso
L’amministrazione comunale ha adeguato le tariffe d’ingresso (lasciando invariate le casistiche di esenzione): da 2,60 euro a tre euro, per visitare il museo civico oppure l’area archeologica di Sant’Anastasia, cinque euro per visitare entrambi i siti, e biglietto ridotto da 3 euro (anziché 2,60) per comitive, o scolaresche, composte almeno da 15 persone.

m.p. ©riproduzione riservata | SOSTIENICI

aggiornato alle 21.01

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi