Home / ABC / San Gavino – Sardara, Musanti: “Non bastano due milioni di euro per sistemare la provinciale 62”

San Gavino – Sardara, Musanti: “Non bastano due milioni di euro per sistemare la provinciale 62”

Da diversi anni, in prossimità di elezioni, torna in auge la messa in sicurezza della provinciale 62, la strada Sardara – San Gavino. “L’ennesimo annuncio elettorale”, hanno commentato in tanti, apprendendo che, a pochi mesi dalle amministrative di San Gavino, la Provincia ha messo a disposizione due milioni di euro per il pericoloso tratto stradale che, dalla statale 131, conduce all’ospedale, alla stazione ferroviaria, agli istituti liceali e ai paesi limitrofi.
«Si tratta di un intervento provvisorio – spiega l’assessore Stefano Musanti –. Quella strada va smantellata, rifatta e soprattutto allargata. E, per fare questo, servono circa otto milioni di euro. Due milioni occorrono solo a fare un tappetino, un ripristino superficiale su una strada realizzata per un flusso automobilistico di 50anni fa».
Se l’intervento non è di competenza comunale, perché i Comuni lo ritengono un proprio merito?
«Le amministrazioni comunali hanno il dovere istituzionale di governare un territorio – risponde Musanti –. Anche in modo indiretto. I sindaci hanno sollecitato gli organi competenti, rivendicando gli interventi sulla strada in questione. L’ho fatto anch’io quando abbiamo tappato le buche assieme al sindaco di Sardara Roberto Montisci».
Non si tratta quindi di campagna elettorale, come pensano alcuni?
«È casuale. Sono tempi tecnici della politica. L’intervento è stato finanziato l’anno scorso con soldi trasferiti alle province. Occorre tempo per metterli a disposizione, attuarli, programmarli, ecc.».
E per la realizzazione?
«Se fossero in grado di impegnare subito quelle somme, ci vorrebbero circa otto mesi, o anche meno. Insomma, entro l’anno dovrebbe essere sistemato».

Resta scettico il consigliere di minoranza Lorenzo Argiolas, che dichiara: «Come tutti i cittadini, mi aspetto di vedere fatti concreti, soprattutto per percorrere quella strada in totale sicurezza. Si tratta di un’arteria importante del nostro territorio, così come la complanare che va dalla rotonda di Sanluri alla rotonda di via Pascoli. Anche l’intervento su quel tratto stradale è stato finanziato e siamo in attesa di poter spendere i soldi. Ci aspettiamo quindi che, alle parole, ai tanti annunci e titoloni sui giornali, facciano seguito azioni concrete».

m.p. ©riproduzione riservata | SOSTIENICI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi