Home / In Sardegna / Trapianti: la Prometeo AITF ODV incontra gli studenti dell’istituto “Giua” di Assemini e il liceo scientifico “Pitagora” di Selargius

Trapianti: la Prometeo AITF ODV incontra gli studenti dell’istituto “Giua” di Assemini e il liceo scientifico “Pitagora” di Selargius

Questa settimana i volontari dell’associazione di trapiantati Prometeo AITF ODV faranno visita a due scuole dell’Area metropolitana di Cagliari: venerdì 1° marzo alle 11.50 saranno all’Istituto “Michele Giua” di Assemini, e sabato 2 marzo alle 11.15 al Liceo scientifico “Pitagora” di Selargius.

Gli incontri avranno lo scopo di sensibilizzare studenti, docenti e personale non docente sulla donazione e sul trapianto di organi: un modo per contribuire a consolidare gli ottimi risultati raggiunti in Sardegna sul fronte della donazione di organi, sia in termini di dichiarazioni di volontà positive registrate presso gli Uffici anagrafe comunali (ad oggi l’83,1% del totale, contro una media nazionale del 71,7%), sia di opposizioni alla donazione (solo il 15,7% nel 2018, a fronte di una media nazionale del 29,9% e di un tasso del 26,9% registrato nell’Isola nell’anno precedente).

Affinché la cultura della donazione cresca e regga nel tempo, è importante che siano fugati i dubbi e superati i pregiudizi, per questo durante i due incontri saranno operatori sanitari a illustrare il processo che dalla donazione porta al trapianto, anche nei suoi aspetti più complessi come l’accertamento di morte. In particolare, interverranno ad Assemini: la dottoressa Francesca Zorcolo, Vicecoordinatrice del Centro regionale trapianti (CRT), il dottor Riccardo Cao, nefrologo dell’ospedale “G. Brotzu” di Cagliari, e il dottor Stefano Dedola, chirurgo con esperienza nel follow up dei trapiantati di fegato e pancreas al “G. Brotzu” e consulente scientifico della Prometeo. A Selargius, invece, oltre al dottor Dedola, saranno presenti la dottoressa Fabrizia Salvago, psicologa del “G. Brotzu” e consulente scientifica dell’associazione, il dottor Maurizio Sini, rianimatore della Cardioanestesia del “G. Brotzu”, e la dottoressa Maria Rosaria Piras, gastroenterologa con esperienza anche presso il Centro trapianti di fegato e pancreas del “G. Brotzu”. Importante sarà, inoltre, la testimonianza dei trapiantati della Prometeo.

(da comunicato stampa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi