Home / ABC / Sport, tiro con l’arco: Martina Del Duca di Sanluri vince il bronzo ai campionati nazionali

Sport, tiro con l’arco: Martina Del Duca di Sanluri vince il bronzo ai campionati nazionali

Si è piazzata terza ai campionati nazionali di tiro con l’arco, tenutisi domenica scorsa, 5 agosto, a Lago Laceno (Av). La 14enne Martina Del Duca di Sanluri porta a casa la medaglia di bronzo dalla gara della specialità 3D (tiro su sagome tridimensionali), per la categoria under20 (Juniores) e una distanza fino a 45 metri.

Si aggiunge alla lunga lista di atleti sardi, la giovane promessa dell’associazione sportiva dilettantistica di Sardara “Sardara Archery Team”, che non è la prima volta a calcare i gradini più alti del podio sportivo.

Iscritta da solo un anno, Martina vanta già una medaglia d’oro assegnata a giugno, una d’argento a febbraio, ora quella di bronzo e il merito di aver rappresentato la Sardegna ai campionati nazionali dell’anno scorso.

Una grande soddisfazione per l’atleta e un grande orgoglio per chi l’accompagna in questa antica disciplina, spesso sottovalutata. Ad appoggiare Martina, in primis la famiglia, l’allenatore Simone Pisola di Uras, la presidente dell’Asd Manuela Aru di Villacidro, i tecnici, i compagni di squadra e una 40ina di arcieri, di età compresa tra i sei e 60 anni, che si allenano con lei. «L’Associazione è una seconda famiglia», dichiara entusiasta la giovane arciera che, per i risultati raggiunti finora, viene definita dal suo allenatore “un talento nato”, di cui possono essere orgogliosi anche i cittadini di Sanluri, Sardara e tutto il territorio.

«Sono soddisfattissimo – commenta Pisola –. C’è sembrata pronta da subito a sostenere una gara. Infatti, dopo soli quattro mesi dall’iscrizione, si è qualificata per la rappresentativa regionale ai campionati nazionali. Martina è alla terza medaglia nel 2018 e una nel 2017. Una grande soddisfazione per me che pratico quest’attività da 25 anni».

Lo stesso entusiasmo lo esprime la presidente Aru che, spiegando come questo sport possa contribuire a rendere migliore un cittadino e il contesto in cui vive, ha detto: «In questa attività, sei tu contro te stesso. È una sfida individuale. C’è poco da imbrogliare. Se tiri, il bersaglio è quello. E se anche imbrogli una volta, poi comunque non si va da nessuna parte. Vedere i risultati di Martina, gratifica. Alla sua prima vittoria, ha commossi tutti. Ora ci siamo quasi abituati». Ironia a parte, Aru ribadisce che l’associazione, nata due anni fa, punta soprattutto sui giovani: «La prima cosa che insegniamo, soprattutto ai più piccoli, è ‘stringere la mano all’avversario’, sempre: tra di noi e nelle gare, sia quando si vince, sia quando si perde. Anche se ci sono antipatie, sul campo e sul podio, lo spirito dev’essere quello. Ci teniamo moltissimo. È fondamentale».

Condivide Cristina, la mamma di Martina: «Per noi genitori, questa filosofia è rassicurante perché ci danno una mano nel percorso educativo. I ragazzi non vengono pressati affinché arrivino primi a tutti i costi. Piuttosto è un ambiente sano, basato su principi solidi di onestà e lealtà. La parola d’ordine è divertirsi, e stare insieme anche dopo la gara».

Perché appassionarsi a questa attività? «Questo sport a me è sempre piaciuto – ha risposto Martina – Mi dà delle belle sensazioni, soprattutto quando si rilascia la freccia e arriva al bersaglio. Anche il suono dell’arco dà soddisfazioni. Ti senti realizzato anche se non raggiungi l’obiettivo. Ora sto cercando di coinvolgere i miei amici coetanei: alcuni di loro si sono iscritti, altri ci stanno provando».

Prima lo studio, o lo sport? E come si conciliano le due attività? «Prima lo studio. Infatti cerco di portarmi sempre avanti per avere qualche pomeriggio libero per allenarmi. Bisogna solo organizzarsi».

Oltre ai mondiali e alle olimpiadi, sogni di qualsiasi atleta, Martina sogna di diventare un chimico. E, se maneggerà sostanze e materiali da laboratorio come maneggia arco e frecce, senz’altro raggiungerà il suo obiettivo. Nel frattempo, annuncia che il prossimo 2 settembre, nell’area adiacente al museo di Sa Corona Arrubia, a Collinas, si terrà una gara interregionale di tiro con l’arco, organizzata dall’associazione sardarese e valida per le qualifiche dei campionati nazionali 2019.

Redazione ©riproduzione riservata

foto di Giulia Aru

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi