Home / ABC / Villanovaforru, Orto solidale: il consigliere Serra propone la vendita delle verdure prodotte

Villanovaforru, Orto solidale: il consigliere Serra propone la vendita delle verdure prodotte

A conclusione della disamina sugli interventi realizzati a Villanovaforru nel 2017, esposta martedì scorso in Consiglio comunale dal sindaco Maurizio Onnis, il consigliere Maurizio Serra ha avanzato una proposta per poter recuperare i 1.500 euro che il Comune stanzia per “Orto solidale”: l’iniziativa di inclusione sociale realizzata nelle campagne del paese, in collaborazione con la Coldiretti e le cooperative che gestiscono il servizio d’immigrazione locale.
Il consigliere ha chiesto chi avesse beneficiato degli ortaggi coltivati dai volontari impegnati nel progetto che coinvolge gli immigrati dei due centri di accoglienza. E ha poi proposto di allestire un banchetto in piazza per vendere il prossimo raccolto, e far rientrare così i soldi pubblici spesi l’anno scorso per la coltivazione di “pomodori e zucchine”.
In risposta all’inaspettata richiesta di Serra, è intervenuto il primo cittadino. «Il nostro compito – ha dichiarato Onnis – è favorire l’azione sociale. Per fare una vendita pubblica di questo tipo, servirebbe una partita iva legata all’agricoltura. E noi non l’abbiamo». Il sindaco ha informato i consiglieri che una cooperativa agricola si è resa disponibile a titolo volontario. E, concludendo il dibattito, ha aggiunto: «Però, secondo me, la quantità di terra che abbiamo disponibile in questo momento non è sufficiente a tirare fuori una quantità di prodotto che giustifichi questo sforzo».
Il consigliere di maggioranza ha confermato la sua posizione anche fuori dall’aula, ribadendo che si tratta di soldi messi a disposizione dai cittadini per dare una mano ai ragazzi migranti. E che, quindi, le produzioni dovrebbero essere riproposte agli stessi contribuenti e rese visibili con una rivendita. O, in alternativa, per un utilizzo comunitario a beneficio dei residenti villanovesi. «Va benissimo – ha precisato Serra – anche che questi ortaggi finiscano nelle mense di chi li ha coltivati e raccolti».

m.p. | ©Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi