Home / Attualità / Cagliari: gli studenti tornano in piazza per un’alternanza scuola-lavoro più giusta

Cagliari: gli studenti tornano in piazza per un’alternanza scuola-lavoro più giusta

Domani, venerdì 24 novembre, gli studenti dell’Uds tornano in piazza per rivendicare un’Alternanza Scuola-Lavoro più giusta. Dalle 9 il corteo percorrerà le vie di Cagliari, da piazza Gramsci fino alla sede dell’Assessorato regionale della Pubblica Istruzione, in viale Trieste.
“La Legge 107 non garantisce tutele agli studenti in Alternanza – dice il portavoce dell’Uds Cagliari Gabriele Serra –. Vogliamo colmare questo vuoto con uno Statuto capace di assicurare percorsi realmente formativi, vicini alle esigenze nostre e delle scuole”.
Dopo le manifestazioni dello scorso 13 ottobre e del 17 novembre, prosegue l’autunno di mobilitazione. Domani i ragazzi torneranno in piazza al grido ‘Riscatto è ora’ per spezzare la catena dello sfruttamento. Infatti, a servirsi degli studenti, ci sono grandi aziende multinazionali: Ibm, Intesa San Paolo, Zara, Mc Donald’s, Poste Italiane, Coop e Fca. Le esperienze coinvolgono decine di migliaia di ragazzi in tutte le regioni.
“Gli Stati generali dello Sfruttamento”, è questo il nome dato alla mobilitazione nazionale, promossa da Rete della Conoscenza, Link Università e Unione degli Studenti. E si svolgerà in oltre 40 città italiane. A supporto dei giovani, anche alcuni sindacati.

Gemma Bovati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi