Home / ABC / Pabillonis: quasi 50mila euro per le bollette dell’acqua. Si pensa ai pozzi per risparmiare

Pabillonis: quasi 50mila euro per le bollette dell’acqua. Si pensa ai pozzi per risparmiare

L’amministrazione comunale di Pabillonis, per l’anno 2018, ha determinato un impegno di spesa pari a 49.400 euro per le bollette dell’acqua.
Nei precedenti due anni e mezzo, il Comune aveva “vissuto di rendita” perché, a causa di un errore di calcolo, l’ente erogatore del servizio idrico ha dovuto restituire alla comunità di Pabillonis circa 140mila euro attraverso un piano di compensazione. Ora, il Comune dovrà riprendere con il regolare pagamento.
Le utenze maggiormente incisive, per un totale di 33mila euro, sono quelle allacciate agli impianti di irrigazione dei prati verdi nelle piazze e di alcune aiuole con le siepi. Quelle allacciate per il giardino del cimitero comunale che ha una vasta estensione di prato verde antistante, per i 700 metri quadri di prato verde all’interno del centro di aggregazione sociale e altri 700 metri quadri di prato nel giardino della scuola dell’infanzia.
L’amministrazione però intende attuare un piano per risparmiare.
«Se non innaffiassimo – dice il sindaco Riccardo Sanna –, basterebbero poco più di 10mila euro annui per la gestione delle utenze di tutti gli edifici pubblici e delle scuole. L’irrigazione dei prati erbosi (e ne abbiamo una superficie molto estesa) è micidiale, perché d’estate i prati richiedono acqua tutti i giorni. Sicuramente non vorremmo lasciarli seccare. Penso però che l’amministrazione si attiverà per trovare soluzioni più economiche che non incidano sulle bollette. Magari, dove è possibile, realizzando piccoli pozzi finalizzati alla sola irrigazione dove ci sono grandi superfici di aree verdi».

©Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *